Happening/Installazione

concept: Pierangelo Di Vittorio

Visual: Luca Acito

Installazione interattiva: Studio Antani

Prodotto da Action30 – Cu.Bo. – TEDxBari

Spazio Murat – Bari – 2017
 
 

Bazar Elettrico - Action30

Per incontrarsi bisogna reinventare il mondo.


C’è stata una catastrofe. La realtà è andata in pezzi e nessuno si sente più a casa sua. Una ragazza e un ragazzo vivono estranei a se stessi, incuranti l’una dell’altro.
In comune hanno solo la frammentazione e la confusione delle loro vite: provano a mettere insieme i pezzi, inventano fragili mosaici, incerti itinerari, ma anche la precarietà non significa per loro la stessa cosa.

La catastrofe ha prodotto un blackout tecnologico e per farli incontrare disponiamo solo di un caotico ammasso di oggetti: i frammenti delle loro vite esplose e disperse.
Vite sature di cose oppure segnate dal deserto della loro assenza. Rovistando nel bazar scopriamo che gli oggetti possono essere collegati e dialogare tra loro.

Correnti elettriche serpeggiano tra le rovine, nuove sinapsi si accendono nella mente.
Come la scarpina di Cenerentola, gli oggetti sono al tempo stesso il segno dell’amore perduto e la mappa che può farli incontrare.

Immaginando le connessioni – magiche o reali – tra questi oggetti, il bazar si trasforma, si elettrizza, s’illumina. Diventa la cartografia degli incontri possibili. E il mondo ricomincia a balbettare come un bambino che scandisce il suo abicì.

Far suonare la scarpina attraverso il buon piedino!

Un estratto della serie